Bugei jūhappan – le 18 Arti del Bushi

L’insieme delle tecniche di combattimento ed arti correlate che era raccomandato di studiare e conoscere a ciascun Guerriero Samurai dell’era Tokugawa (o Periodo Edo 1603-1868) era chiamato Bugei jūhappan – 武芸十八般 “Diciotto Tipi di Arti Marziali”.

La formalizzazione dell’idea viene attribuita allo spadaccino Hirayama Gyozo, fondatore della Chukō Shingan Ryū, si ritiene si sia basato sulla più antica tradizione Cinese delle Diciotto Armi del WuShu.
Inutile dire che è ragionevole ritenere che questa idea fosse ampiamente applicata prima della sua formalizzazione.

Nel tempo ciascun Ryū sviluppò ed organizzo la propria didattica su tutte o alcune delle Diciotto Arti, dedicando maggiori attenzione e tecniche ad una o più delle arti prese in considerazione, l’elenco maggiormente diffuso dovrebbe includere:

Kyūjutsu, l’Arte dell’Arco – L’uso tradizionale dell’arco (yumi) è stato il privilegio della classe dei samurai, per una significativa parte della storia giapponese, fino a circa metà del 1500, è stata ritenuta l’ate essenziale e fondamentale del guerriero, al punto da essere il simbolo del guerriero professionista, la vua dek guerriero inizialmente era definita kyūba no michi – la via di arco e cavallo.

Sōjutsu, Arte della Lancia (槍 yari) Anche se la lancia ha avuto un ruolo nella creazoine mitologica del Giappone, pare che i primi prototipi di lancia siano giunti da altri paesi asiatici e che questi primi modelli non fossero di particolare gradimento per i giapponesi che li ridisegnarono in un gran numero di variazioni sia per l’asta sia per la testa della lancia. La Yari era l’arma popolare e degli Ashigaru durante il periodo feudale essendo meno costosa da produrre e meno complessa da maneggiare rispetto ad altre armi.

Kenjutsu, l’Arte della Spada, la scherma giapponese, 剣術 è il termine generale per tutte le koryū che studiano il maneggio della spada, in particolare quelle precedenti alla restaurazione Meiji. Anche gli stili moderni di kendo e iaido, formalizzati nel XX secolo, includono nel loro curriculum forme moderne di kenjutsu

Iaijutsu, L’Arte di estrarre la Spada (uccidere estraendo) si tratta di una serie di tecniche di estrazione ed uccisione veloce presente come disciplina in differenti forme in molte Koryū. Contempla tecniche di attacco, contrattacco, omicidio o semplice ferimento.

Tantōjutsu, l’Arte del Coltello, contempla una varietà di sistemi di combattimento con il coltello chiamato tantō, una daghetta o un coltello corto.

Juttejutsu,十手術 è l’arte marziale che studia l’uso dell’arma chiamata jitte o jutte, codificata prevalentemente per gli agenti si polizia del periodo Edo per consentire i disarmi non letali e la cattura di criminali che indossavano o maneggiavano una spada

Shurikenjutsu, 手裏剣術 è il termine generale per l’Arte di lanciare gli Shuriken, piccole armi da lancio che possono stare in una mano come puntali di metallo (bō shuriken), piastre di metallo circolari dalle differenti sagome (hira shuriken) e coltelli (tantō).

Naginatajutsu, l’arte dell’uso della Naginata 長刀, una sorta di alabarda a falcione, inizialmente usata in supporto all’arcere a cavallo. Successivamente utilizzata anche come arma lunga da guerrieri e monaci, dopo il periodo delle guerre, come arma di difesa delle case, quindi anche dalle onna-bugeishi, le donne samurai

Hōjutsu, l’Arte di Sparare con Armi d Fuoco 砲術, dedicata all’uso delle armi da fuoco che si usavano in campo di battaglia a partire dal XVI secolo. E’ ancora praticata a volte usando ancora le antiche armi da fuoco.

Bōjutsu, l’Arte del Bastone 棒術, che prevede il maneggio di un’asta di legno, una delle armi più antiche della storia. L’arma può avere differenti lunghezze e diverse tecniche di uso a seconda della scuola.

Kusarigamajutsu, l’Arte dell’so della Kusarigama una falce alla quale è sladata una catena. La kusarigama è fatta di tre parti kama (una lama curva innestata in un manico di legno), kusari (una catena attaccata alla kama) e un peso alla fine della catena

Hojōjutsu, l’Arte di Legare un opponente 捕縄術 detto anche Torinawajutsu (捕縄術), o Nawajutsu (縄術), è l’arte tradizionale di legare una persona con corde (nawa 縄). Comprende differenti materiali, tecniche e metodi di molte scuole differenti. l’Hojōjutsu è un’arte squisitamente e unicamente Giapponese, raramente è insegnata fuori dal Giappone ed è parte di scuole di Budo o Jujutsu.

Bajutsu, l’Arte di Cavalcare. le cui origini sono strettamente connesse all’arceria a cavallo (Yabusame), è considerata Arte a sè stante e conta scuole tradizionali dedicate. L’Arte origina nel VII secolo dall’Imperatore Tenji e fu insegnata su larga scala nel XII rimanaendo comunque elitaria e riservata ad un numero ristretto di samurai di alto livello.

Suieijutsu, l’Arte di Nuotare in armatura, anche se letteralmente sarebbe “abilità acquatiche”.

Ninjutsu, inteso come Spionaggio / Contro-Spionaggio, le strategie e le tecniche per il combattimento non convenzionale

Ci sono altre arti che spesso vengono incluse nella lista: Chikujōjutsu (fortificare un castello contro un assedio), Yawara (lotta), Fukumibarijutsu (sputare piccoli aghi), Yabusame (arceria a cavallo), Mōjirijutsu (combattere con armi lunghe non mortali), Yadomejutsu (deflettere le frecce), Saiminjuts (ipnotismo), Jūjutsu (lotta e combattimento a mani nude)

Annunci