Bugei jūhappan – le 18 Arti del Bushi

L’insieme delle tecniche di combattimento ed arti correlate che era raccomandato di studiare e conoscere a ciascun Guerriero Samurai dell’era Tokugawa (o Periodo Edo 1603-1868) era chiamato Bugei jūhappan – 武芸十八般 “Diciotto Tipi di Arti Marziali”.

La formalizzazione dell’idea viene attribuita allo spadaccino Hirayama Gyozo, fondatore della Chukō Shingan Ryū, si ritiene si sia basato sulla più antica tradizione Cinese delle Diciotto Armi del WuShu.
Inutile dire che è ragionevole ritenere che questa idea fosse ampiamente applicata prima della sua formalizzazione.

Nel tempo ciascun Ryū sviluppò ed organizzo la propria didattica su tutte o alcune delle Diciotto Arti, dedicando maggiori attenzione e tecniche ad una o più delle arti prese in considerazione, l’elenco maggiormente diffuso dovrebbe includere:

Kyūjutsu, l’Arte dell’Arco – L’uso tradizionale dell’arco (yumi) è stato il privilegio della classe dei samurai, per una significativa parte della storia giapponese, fino a circa metà del 1500, è stata ritenuta l’ate essenziale e fondamentale del guerriero, al punto da essere il simbolo del guerriero professionista, la vua dek guerriero inizialmente era definita kyūba no michi – la via di arco e cavallo.

Sōjutsu, Arte della Lancia (槍 yari) Anche se la lancia ha avuto un ruolo nella creazoine mitologica del Giappone, pare che i primi prototipi di lancia siano giunti da altri paesi asiatici e che questi primi modelli non fossero di particolare gradimento per i giapponesi che li ridisegnarono in un gran numero di variazioni sia per l’asta sia per la testa della lancia. La Yari era l’arma popolare e degli Ashigaru durante il periodo feudale essendo meno costosa da produrre e meno complessa da maneggiare rispetto ad altre armi.

Kenjutsu, l’Arte della Spada, la scherma giapponese, 剣術 è il termine generale per tutte le koryū che studiano il maneggio della spada, in particolare quelle precedenti alla restaurazione Meiji. Anche gli stili moderni di kendo e iaido, formalizzati nel XX secolo, includono nel loro curriculum forme moderne di kenjutsu

Iaijutsu, L’Arte di estrarre la Spada (uccidere estraendo) si tratta di una serie di tecniche di estrazione ed uccisione veloce presente come disciplina in differenti forme in molte Koryū. Contempla tecniche di attacco, contrattacco, omicidio o semplice ferimento.

Tantōjutsu, l’Arte del Coltello, contempla una varietà di sistemi di combattimento con il coltello chiamato tantō, una daghetta o un coltello corto.

Juttejutsu,十手術 è l’arte marziale che studia l’uso dell’arma chiamata jitte o jutte, codificata prevalentemente per gli agenti si polizia del periodo Edo per consentire i disarmi non letali e la cattura di criminali che indossavano o maneggiavano una spada

Shurikenjutsu, 手裏剣術 è il termine generale per l’Arte di lanciare gli Shuriken, piccole armi da lancio che possono stare in una mano come puntali di metallo (bō shuriken), piastre di metallo circolari dalle differenti sagome (hira shuriken) e coltelli (tantō).

Naginatajutsu, l’arte dell’uso della Naginata 長刀, una sorta di alabarda a falcione, inizialmente usata in supporto all’arcere a cavallo. Successivamente utilizzata anche come arma lunga da guerrieri e monaci, dopo il periodo delle guerre, come arma di difesa delle case, quindi anche dalle onna-bugeishi, le donne samurai

Hōjutsu, l’Arte di Sparare con Armi d Fuoco 砲術, dedicata all’uso delle armi da fuoco che si usavano in campo di battaglia a partire dal XVI secolo. E’ ancora praticata a volte usando ancora le antiche armi da fuoco.

Bōjutsu, l’Arte del Bastone 棒術, che prevede il maneggio di un’asta di legno, una delle armi più antiche della storia. L’arma può avere differenti lunghezze e diverse tecniche di uso a seconda della scuola.

Kusarigamajutsu, l’Arte dell’so della Kusarigama una falce alla quale è sladata una catena. La kusarigama è fatta di tre parti kama (una lama curva innestata in un manico di legno), kusari (una catena attaccata alla kama) e un peso alla fine della catena

Hojōjutsu, l’Arte di Legare un opponente 捕縄術 detto anche Torinawajutsu (捕縄術), o Nawajutsu (縄術), è l’arte tradizionale di legare una persona con corde (nawa 縄). Comprende differenti materiali, tecniche e metodi di molte scuole differenti. l’Hojōjutsu è un’arte squisitamente e unicamente Giapponese, raramente è insegnata fuori dal Giappone ed è parte di scuole di Budo o Jujutsu.

Bajutsu, l’Arte di Cavalcare. le cui origini sono strettamente connesse all’arceria a cavallo (Yabusame), è considerata Arte a sè stante e conta scuole tradizionali dedicate. L’Arte origina nel VII secolo dall’Imperatore Tenji e fu insegnata su larga scala nel XII rimanaendo comunque elitaria e riservata ad un numero ristretto di samurai di alto livello.

Suieijutsu, l’Arte di Nuotare in armatura, anche se letteralmente sarebbe “abilità acquatiche”.

Ninjutsu, inteso come Spionaggio / Contro-Spionaggio, le strategie e le tecniche per il combattimento non convenzionale

Ci sono altre arti che spesso vengono incluse nella lista: Chikujōjutsu (fortificare un castello contro un assedio), Yawara (lotta), Fukumibarijutsu (sputare piccoli aghi), Yabusame (arceria a cavallo), Mōjirijutsu (combattere con armi lunghe non mortali), Yadomejutsu (deflettere le frecce), Saiminjuts (ipnotismo), Jūjutsu (lotta e combattimento a mani nude)

Annunci

22-23 Giugno 2019 Kenjutsu a Cagliari

Sangetsu Dojo organizza uno
Stage di Kenjustu – Spada Giapponese
Stili della Montagna Bianca e del Tempio di Katori
Istruttori
Maestro Stefano Poma
Romano Alberti
Nicola Medici

il 22 e 23 Giugno 2019
presso il dojo Musubi no Kai due
Loc.Isca su Loi – Capoterra (CA)

Orari 9:30 – 12:30 e 15:00 – 18:00

Per informazioni ed iscrizioni
3484737706 – nicola-medici84@gmail.com

Palazzolo s.O. – Spada Giapponese Shiro Yama

Lo Shiro Yama è uno stile di kenjutsu studiato dal
Maestro GIANFRANCO MORSTABILINI
che mescola elementi di Katori Shinto Ryu, Kashima Ryu e Aikido con tecniche proprie.

Il Maestro Stefano Poma (6° DAN) ha avviato il corso di Spada Giapponese Shiro Yama
Tutte le domeniche dalle 9:00 alle 11:30

presso la Palestra delle Scuole Elementari Sacro Cuore
Via T. Omboni, 2, 25036 Palazzolo sull’Oglio BS

Per informazioni: giorgio.biagi@alice.it

Master of Katori Shinto Ryu Hatakeyama Sensei Clips – Mochizuki Minoru Sensei and Hatakeyama Goro Sensei

Ho trovato questa clip sulla pagina Youyube di AIKIBUDO JUJUTSU RUSSIA

Ho sentito raccontare da alcuni dei successori italiani che Hatakeyama Sensei visitasse periodicamente Mochizuki Sensei e praticassero insieme, purtroppo non ho mai avuto occasione di sentirlo raccontare in forma diretta, avrei avuto tante domande. Questa clip, trovata assolutamente per caso (beh forse anche grazie agli algoritmi di youtube) mi regala qualche sensazione, spero lo faccia anche per voi.

M° Goro Hatakeyama – Menkyo Kaiden Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu

Il Maestro Goro Hatakeyama è nato a Tokyo il 17 agosto del 1928. In gioventù pratica Judo, Sumo e Kendo. Nel dopoguerra inizia a praticare uno stile tradizionale di Ju Jutsu ma, in seguito alla morte senza eredi del soke, la scuola chiude. Nel 1960, inizia la pratica del Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu presso il Dojo di Yoshio Sugino Sensei di cui diviene allievo diretto e rapidamente primo assistente seguendolo in Europa ed in America quando questo viene chiamato a insegnare e diffondere il Katori Shinto Ryu.

Ottenuto il IX° dan Menkyo Kaiden dal M° Yoshio Sugino e dedicandosi completamente all’insegnamento del Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu, quando il Maestro Sugino, per l’età, si ritira dall’insegnamento all’estero, il maestro Hatakeyama lo sostituisce continuando la sua opera di insegnamento al di fuori del Giappone con stage in Francia, Olanda, Belgio, Svizzera, Italia, Gran Bretagna, Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Russia, Canada e Stati Uniti.

In seguito, dopo la morte del M° Yoshio Sugino, nel 1999 il Maestro Hatakeyama lascia il Sugino Dojo e continua il suo percorso di studio e approfondimento riproponendo il Katori Shinto Ryu degli anni della sua giovinezza rivisto con gli occhi di 40 anni di esperienza per arrivare a proporre una sua personale versione dello stile Katori Shinto, continuando la diffusione con il suo infaticabile operato di istruttore nel mondo.

Il Maestro Hatakeyama scompare l’8 dicembre 2009 a Kamakura lasciando un vuoto incolmabile nei cuori di coloro che lo hanno conosciuto e seguito.

In un forum così lo ricorda un suo allievo, anonimo (beh anonimo per la maggior parte delle persone), che ringrazio per essere riuscito ad esprimere con delicatezza e semplicità un bellissimo ritratto del Maestro:

…allievo e primo assistente del Maestro Sugino Yoshio; dopo una vita spesa a tramandare nel mondo gli insegnamenti del proprio maestro, con una dedizione ed una generosità fuori del comune.
Per lui l’insegnamento era non solo una missione ma un vero amore per l’Arte tanto da non aver mai chiesto, in tutti i suoi viaggi, d’esser mai pagato per dispensare il proprio sapere, se non quanto bastasse per poter dar da mangiare al proprio cane.

Per l’uomo meraviglioso che era non esistevano differenze di età, sesso, religione, razza, lingua, e nulla era più sufficiente di un “maestro, prego, mi insegni”: che fossero praticanti avanzati o neofiti o provenienti da qualsivoglia altra arte.

Sino all’ultimo, anche contro tutti i pareri medici, si è prodigato viaggiando senza timore, insegnando a chi glie ne facesse richiesta, non risparmiando ogni briciola di energia e volontà.

Vi sono momenti di lui che sempre ricorderemo: come, per esempio, al momento del pranzo o a fine lezione egli affermasse con sorpresa ed un briciolo di disappunto “E’ già ora di andare? No, no, lavoriamo ancora un pò!”… Quale miglior esempio per tutti noi.”

Fonti Biografia:
http://www.kobukan.it/insegnanti.asp
http://www.asd-ilponte.org/Goro-Hatakeyama.html
http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=5564
http://www.kkiennbudoclub.it/hatakeyama.html

Arona – Stage INTRODUTTIVI Shiro Yama Kenjustu

4 Maggio, 1 e 29 Giugno
dalle 14:30 alle 17:30

STAGE INTRODUTTIVI
SHIIRO YAMA KENJJUTSU
SCHERMA STORICA GIAPPONESE

Maestri
Stefano Poma e Carlo Faleschini

Lo Shiro Yama è uno stile di kenjutsu studiato dal
Maestro GIANFRANCO MORSTABILINI
che mescola elementi di Katori Shinto Ryu, Kashima Ryu e Aikido con tecniche proprie.

PALESTRA KOSEN
Via Mazzini,6 – Dormelletto

Per info Stefano Granata 3405441647

Aronadefinitivo

Master of Katori Shinto Ryu Hatakeyama Sensei Clips – Sensei Hatakayama Goro – bunkai kata.

Ho trovato questa clip sulla pagina Facebook di Instytut Japońskich Tradycji Aikibudo-Kobudo

M° Goro Hatakeyama – Menkyo Kaiden Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu

Il Maestro Goro Hatakeyama è nato a Tokyo il 17 agosto del 1928. In gioventù pratica Judo, Sumo e Kendo. Nel dopoguerra inizia a praticare uno stile tradizionale di Ju Jutsu ma, in seguito alla morte senza eredi del soke, la scuola chiude. Nel 1960, inizia la pratica del Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu presso il Dojo di Yoshio Sugino Sensei di cui diviene allievo diretto e rapidamente primo assistente seguendolo in Europa ed in America quando questo viene chiamato a insegnare e diffondere il Katori Shinto Ryu.

Ottenuto il IX° dan Menkyo Kaiden dal M° Yoshio Sugino e dedicandosi completamente all’insegnamento del Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu, quando il Maestro Sugino, per l’età, si ritira dall’insegnamento all’estero, il maestro Hatakeyama lo sostituisce continuando la sua opera di insegnamento al di fuori del Giappone con stage in Francia, Olanda, Belgio, Svizzera, Italia, Gran Bretagna, Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Russia, Canada e Stati Uniti.

In seguito, dopo la morte del M° Yoshio Sugino, nel 1999 il Maestro Hatakeyama lascia il Sugino Dojo e continua il suo percorso di studio e approfondimento riproponendo il Katori Shinto Ryu degli anni della sua giovinezza rivisto con gli occhi di 40 anni di esperienza per arrivare a proporre una sua personale versione dello stile Katori Shinto, continuando la diffusione con il suo infaticabile operato di istruttore nel mondo.

Il Maestro Hatakeyama scompare l’8 dicembre 2009 a Kamakura lasciando un vuoto incolmabile nei cuori di coloro che lo hanno conosciuto e seguito.

In un forum così lo ricorda un suo allievo, anonimo (beh anonimo per la maggior parte delle persone), che ringrazio per essere riuscito ad esprimere con delicatezza e semplicità un bellissimo ritratto del Maestro:

…allievo e primo assistente del Maestro Sugino Yoshio; dopo una vita spesa a tramandare nel mondo gli insegnamenti del proprio maestro, con una dedizione ed una generosità fuori del comune.
Per lui l’insegnamento era non solo una missione ma un vero amore per l’Arte tanto da non aver mai chiesto, in tutti i suoi viaggi, d’esser mai pagato per dispensare il proprio sapere, se non quanto bastasse per poter dar da mangiare al proprio cane.

Per l’uomo meraviglioso che era non esistevano differenze di età, sesso, religione, razza, lingua, e nulla era più sufficiente di un “maestro, prego, mi insegni”: che fossero praticanti avanzati o neofiti o provenienti da qualsivoglia altra arte.

Sino all’ultimo, anche contro tutti i pareri medici, si è prodigato viaggiando senza timore, insegnando a chi glie ne facesse richiesta, non risparmiando ogni briciola di energia e volontà.

Vi sono momenti di lui che sempre ricorderemo: come, per esempio, al momento del pranzo o a fine lezione egli affermasse con sorpresa ed un briciolo di disappunto “E’ già ora di andare? No, no, lavoriamo ancora un pò!”… Quale miglior esempio per tutti noi.”

Fonti Biografia:
http://www.kobukan.it/insegnanti.asp
http://www.asd-ilponte.org/Goro-Hatakeyama.html
http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=5564
http://www.kkiennbudoclub.it/hatakeyama.html

Master of Katori Shinto Ryu Hatakeyama Sensei Clips – Bunkai Hakka-no-tachi

Ho trovato questa clip sulla pagina Facebook di Instytut Japońskich Tradycji Aikibudo-Kobudo

M° Goro Hatakeyama – Menkyo Kaiden Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu

Il Maestro Goro Hatakeyama è nato a Tokyo il 17 agosto del 1928. In gioventù pratica Judo, Sumo e Kendo. Nel dopoguerra inizia a praticare uno stile tradizionale di Ju Jutsu ma, in seguito alla morte senza eredi del soke, la scuola chiude. Nel 1960, inizia la pratica del Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu presso il Dojo di Yoshio Sugino Sensei di cui diviene allievo diretto e rapidamente primo assistente seguendolo in Europa ed in America quando questo viene chiamato a insegnare e diffondere il Katori Shinto Ryu.

Ottenuto il IX° dan Menkyo Kaiden dal M° Yoshio Sugino e dedicandosi completamente all’insegnamento del Tenshin Shoden Katori Shinto Ryu, quando il Maestro Sugino, per l’età, si ritira dall’insegnamento all’estero, il maestro Hatakeyama lo sostituisce continuando la sua opera di insegnamento al di fuori del Giappone con stage in Francia, Olanda, Belgio, Svizzera, Italia, Gran Bretagna, Polonia, Repubblica Ceca, Ungheria, Russia, Canada e Stati Uniti.

In seguito, dopo la morte del M° Yoshio Sugino, nel 1999 il Maestro Hatakeyama lascia il Sugino Dojo e continua il suo percorso di studio e approfondimento riproponendo il Katori Shinto Ryu degli anni della sua giovinezza rivisto con gli occhi di 40 anni di esperienza per arrivare a proporre una sua personale versione dello stile Katori Shinto, continuando la diffusione con il suo infaticabile operato di istruttore nel mondo.

Il Maestro Hatakeyama scompare l’8 dicembre 2009 a Kamakura lasciando un vuoto incolmabile nei cuori di coloro che lo hanno conosciuto e seguito.

In un forum così lo ricorda un suo allievo, anonimo (beh anonimo per la maggior parte delle persone), che ringrazio per essere riuscito ad esprimere con delicatezza e semplicità un bellissimo ritratto del Maestro:

…allievo e primo assistente del Maestro Sugino Yoshio; dopo una vita spesa a tramandare nel mondo gli insegnamenti del proprio maestro, con una dedizione ed una generosità fuori del comune.
Per lui l’insegnamento era non solo una missione ma un vero amore per l’Arte tanto da non aver mai chiesto, in tutti i suoi viaggi, d’esser mai pagato per dispensare il proprio sapere, se non quanto bastasse per poter dar da mangiare al proprio cane.

Per l’uomo meraviglioso che era non esistevano differenze di età, sesso, religione, razza, lingua, e nulla era più sufficiente di un “maestro, prego, mi insegni”: che fossero praticanti avanzati o neofiti o provenienti da qualsivoglia altra arte.

Sino all’ultimo, anche contro tutti i pareri medici, si è prodigato viaggiando senza timore, insegnando a chi glie ne facesse richiesta, non risparmiando ogni briciola di energia e volontà.

Vi sono momenti di lui che sempre ricorderemo: come, per esempio, al momento del pranzo o a fine lezione egli affermasse con sorpresa ed un briciolo di disappunto “E’ già ora di andare? No, no, lavoriamo ancora un pò!”… Quale miglior esempio per tutti noi.”

Fonti Biografia:
http://www.kobukan.it/insegnanti.asp
http://www.asd-ilponte.org/Goro-Hatakeyama.html
http://www.intk-token.it/forum/index.php?showtopic=5564
http://www.kkiennbudoclub.it/hatakeyama.html