Shinto Fushimi Inari Taisha – il Santuario di Inari a Fushimi



Fushimi Inari Taisha

è il principale santuario dedicato al kami Inari, situato a Fushimi-ku, a Kyōto in Giappone. Il santuario si trova alla base di una montagna chiamata anch’essa Inari, che è a 233 metri dal livello del mare e che comprende diversi sentieri verso altri santuari minori. i dice che ci siano 30.000 santuari di Inari in Giappone frequentati da persone di tutte le età, quello di Fushimi è il santuario a capo di tutti e ad esso tutti fanno riferimento.

Inari è innanzitutto il dio del riso, ma sin dai tempi antichi è stato visto come il patrono degli affari, e sia commercianti sia artigiani tradizionalmente venerano Inari. Tra i motivi per cui è celebre, ci sono le migliaia di torii rossi che si snodano formando percorsi lungo il santuario, ognuno dei torii al Fushimi Inari-taisha è stato donato da un’azienda giapponese.

Inariyama, la montagna sulla quale è sito il santuario, è il kamnabi, la residenza della divinità del Fushimi Inari Taisha. Inari Okami prese risiede sulla montagna dal primo giorno del Cavallo del secondo mese del 711, secondo zodiaco e calendario tradizionali nel 2011 c’è stato il 1300^ anniversario d questo evento.

Nei secoli successivi Inari Okami è stato venerato in quanto divinità che provvede le persone con cibo, vetiti e riparo, che supporta la vita e che reca gioia ed abbondanza. Il santuario ha il compito di proteggere Inariyama e diffondere la tradizione di promuovere la coesistenza armoniosa tra divinità, esseri umani e natura.

Il santuario divenne oggetto del mecenatismo imperiale durante la prima parte del Periodo Heian. Nel 965 l’Imperatore Murakami decretò che i messaggeri portassero dei resoconti scritti degli eventi importanti ai kami guardiani del Giappone. Questi heihaku si presentarono inizialmente a 16 santuari, tra cui anche il Fushimi Inari-taisha.

Dal 1871 al 1946, il santuario di Inari è stato ufficialmente designato uno dei Kanpei-taisha, ovvero si trovava nel primo rango dei santuari. Il santuario attira diversi milioni di fedeli per il Capodanno giapponese, nel 2006 la polizia ha dichiarato che per tre giorni furono presenti 2,69 milioni di persone, soprattutto dal Giappone occidentale.

I fedeli sono soliti acquistare un piccolo torii durante la loro visita al santuario su cui scrivere una preghiera o un semplice desiderio. Il torii viene poi appeso all’ingresso del santuario con la speranza che il dio Inari esaudisca i desideri.

Lungo i sentieri sono presenti molti ristoranti, nei quali è possibile gustare il Kitsune-udon, udon della volpe, che sarebbe il piatto preferito dei messaggeri del dio Inari: udon in brodo arricchito con pezzi di tofu fritto.

Torii ai piedi della montagna.

Le prime strutture sono state costruite nel 711 sulla collina Inariyama, nel sud-ovest di Kyoto, ma il santuario fu spostato nell’816 su richiesta del monaco Kūkai. La struttura principale del santuario è stata edificata nel 1499. Nella parte inferiore della collina ci sono la porta principale (rōmon o “porta torre”) ed il santuario principale (go-honden). Dietro ad essi, in mezzo alla montagna, il santuario interno (okumiya) è raggiungibile con un sentiero fiancheggiato da migliaia di torii. Sulla cima della montagna ci sono centinaia di cumuli per il culto privato.

Le volpi

Le volpi (kitsune), considerate messaggeri, si trovano spesso nei santuari di Inari. Un attributo ricorrente è la chiave (del deposito di riso) nella loro bocca. A differenza della maggior parte dei santuari scintoisti, il Fushimi Inari-taisha, in armonia con i tipici jinja di Inari, ha molte statue di volpi, che sono oggetto di venerazione.
La volpe in Giappone è una creatura sacra e misteriosa, capace di penetrare e di possedere gli esseri umani. Dopo il tramonto è quasi impossibile trovare dei giapponesi che si avventurino sotto le porte rosse di Fushimi Inari perché si crede che la volpe, calato il sole, possa lanciare dei malefici.





Sito Web
Canale Youtube Pagina Facebook Pagina Instagram

Fonti:
https://it.wikipedia.org/wiki/Santuario_di_Fushimi_Inari-taisha

TOP


https://www.sognandoilgiappone.com/kyoto/santuario-fushimi-inari-taisha/
https://www.marcotogni.it/fushimi-inari/

Giappone: i torii rossi del santuario di Fushimi Inari

Home


Shinto Katori Jingū – Il Santuario di Katori


Il Santuario di Katori

è uno dei sanutari più antichi insieme a quelli di Ise e Kashima e si nella città di Katori, prefettura di Chiba. Appare nei miti e nelle cronache e si dice sia stato fondato insieme al Tempio di Kashima dal primo Imperatore del Giappone, Jinmu, nel 643.

E’ uno dei santuari di livello più elevato (ichinomiya) e il riferimento per altri 400 santuari prevalentemente del Kantō, vi si venera Futsunushi no Kami (経津主神), un dio guerriero, kami delle spade e dei fulmini, un generale di Amaterasu.

L’Honden veniva tradizionalmente ricostruito ogni 20 anni con un sistema simile a quello del Santuario di Ise, ma si è smesso di farlo nel periodo Sengoku period, la struttura attuale fu costruita nel 1700 ed è riconosciuta come Proprietà Culturale. Anche il portale (Rōmon) del tempio è del 1700 e designato come Proprietà Culturale.

Presso il Santuario vengono custoditi 200 tesori e tra questi il Kaijū Budō Kagami, uno specchio rotondo in rame e nickel mcon un diametro di 29.6 cm e il peso di 4.56 kg, probabilmente risalente alla dinastia cinese Tang, Lo specchio è decorato con bassorilievi di fiori, insetti e animali sia reali che mitologici. Il tempio custodisce anche Koimainu in ceramica alti 17.6 e 17.9 cm e risalenti al periodo Muromachi, anche loro Proprietà Culturale.

Katori Gokoku

il Santuario di Katori Gokoku, situato sul “Mukasaka no Oka” nel distretto di Katori Jingu, è composto da 4.213 pilastri dedicati ai caduti in combattimento della città di Katori e dell’ex contea di Katori.

Katori Shinto Ryu

Il Tempio di Katori è anche molto importante per tutti i Kenjutsu-ka, studiosi di arti marziali dedicate al maneggio della spada Giapponese, poichè Iizasa Choisai, un famoso maestro di spada, in seguito ad un periodo di 1.000 giorni di pratica, fu ispirato e fondò il “Katori Shinto Ryu (天真正伝香取神道流)”, uno dei tre stili originali e più antichi di spada giapponese.

Per maggiori informazioni sul Katori Shinto Ryu, gira liberamente per questo sito e vedi i due link qui di seguito

Un video storico sul Katori Shinto Ryu
Alcune clip sul Katori Shinto Ryu del M° Hatakeyama Goro




<


Sito Web
Canale Youtube Pagina Facebook Pagina Instagram

Fonti:
https://it.wikipedia.org/wiki/Santuario_di_Ise

Grande Santuario di Ise


https://www.marcotogni.it/santuario-ise/
https://www.isejingu.or.jp/en/index.html

Shinto Ise Jingū – Grande Santuario di Ise


Il grande santuario di Ise

è un gruppo di santuari shintoisti il cui edificio principale è consacrato alla dea Amaterasu Omikami. Si trova nella città di Ise, nella penisola Iseshima, prefettura di Mie, in Giappone. Tra le migliaia di santuari shintoisti è considerato quello più sacro, immerso in una foresta secolare, ha una storia antichissima e sorprende per la sua architettura bellissima nella sua semplicità e purezza.

I santuari del complesso vengono smantellati e ricostruiti sempre identici una volta ogni vent’anni, gli edifici attuali, costruiti nel 2013, sono la sessantaduesima ricostruzione, la prossima è in programma per il 2033.

Chiamato semplicemente jingū (IL Santuario), è un enorme complesso costituito da oltre un centinaio di santuari autonomi, suddivisi in due zone principali: il gekū (“santuario esterno”), nel villaggio di Yamada e dedicato a Toyouke no Omikami, e il naikū (“santuario interno”), nel villaggio di Uji e dedicato alla dea Amaterasu Omikami. I due complessi sono situati a sei chilometri di distanza e sono congiunti da una via di pellegrinaggio che passa attraverso il vecchio distretto di Furuichi. La grande sacerdotessa del santuario di Ise è legata tradizionalmente alla famiglia imperiale giapponese.

Secondo la tradizione giapponese, i santuari furono costruiti nel 26º anno di regno dell’imperatore Suinin, all’inizio del I millennio dell’era cristiana, molti storici ne collocano la costruzione nel 690, anno in cui il grande santuario assunse la forma attuale. Ise Jingu è menzionato nel Kojiki e nel Nihonshoki (datati 712 e 720).

Il santuario di Ise custodisce il Sacro Specchio raffigurante Amaterasu, tesoro nazionale che rende il santuario il più importante sito sacro dello Shintoismo. L’accesso all’area dove è custodito lo Specchio è strettamente limitato, i laici e i turisti non possono vedere altro se non i tetti degli edifici centrali, nascosti dietro tre alte recinzioni di legno.

Il santuario è inserito nel Parco Nazionale di Ise-Shima, al cui interno si trovano numerosi altri siti sacri e storici come il Meoto Iwa (scogli sacri dello Shintoismo) e il Saiku (residenza nel periodo Heian della grande sacerdotessa del santuario, a quel tempo parente e incaricata dall’imperatore).

Naiku

è consacrato alla dea del sole, Amaterasu-Omikami, la divinità più venerata dal culto shintoista.

La visita comincia presso il Ponte Uji, in legno di cipresso e lungo 100 metri, attraversa il fiume Isuzugawa. Viene considerato la connessione tra il mondo mortale e quello divino. Otrepassato il ponte, si ha la sensazione di essere entrati in un’altra dimensione e si passeggia nel silenzio della foresta, all’ombra di imponenti cedri secolari che conducono al complesso sacro.
Superata una torii, è possibile prendere parte al rituale di purificazione usando le acque sacre del fiume Isuzugawa.

Una scalinata conduce al cuore del santuario, gli edifici, sono strutture in legno dalle linee semplici, con pochi ornamenti e qualche nota di colore. La principale sala di preghiera è visibile solo parzialmente e ospita la statua della divinità del Sole, nell’area si trovano piccoli edifici che ospitano sculture di altri kami.

Geku

è consacrato a Toyouke-no-Omikami, kami dell’agricoltura, del cibo e della casa, provvede anche al cibo per Amaterasu Omikami. Questa parte è successiva di cinquecento anni al naiku e ne riprende le linee semplici e senza fronzoli degli edifici.

Insieme agli edifici sacri, si trova il Museo Sengukan, vicino all’ingresso al santuario, dove è possibile approfondire la conoscenza dell’antica tradizione di ricostruzione ventennale del santuario, affidata a maestri artigiani custodi delle tecniche di costruzione e architettura del passato, tramandate per secoli.




Sito Web

Canale Youtube

Pagina Facebook

Pagina Instagram

Fonti:
https://it.wikipedia.org/wiki/Santuario_di_Ise

Grande Santuario di Ise


https://www.marcotogni.it/santuario-ise/
https://www.isejingu.or.jp/en/index.html

Riprendono i corsi: Arte Marziale Over 40 al Casoretto Milano

Kokoro ASD propone un percorso di studio e crescita per chi vorrebbe avvicinarsi alle arti marziali ed ha più di 40 anni.

Il lunedì dalle 19:00 alle 20:00 presso Campo Teatrale in via Casoretto 41/a Milano

Il percorso di studio presenta una didattica progressiva armonizzando più stili e più tecniche per consentire il riequilibrio energetico e posturale prima di approfondire lo studio delle forme e del lavoro di coppia.

Riprendono i corsi: Fudoshin dojo a Cornaredo (Milano)

Riprende la pratica regolare del Fudoshin dojo a Cornaredo e Rho

Il mercoledì presso al Centro MELOGRANO di via Brera 31 a Cornaredo, con Spada Giapponese dalle 19:30 alle 21:30 e Aikido dalle 21:30 alle 23:00

Il Giovedì alla Scuola Elementare Franceschini di via Tevere 14 a Rho con Aikido per bambini e ragazzi dalle 18:30 alle 19:30

Jinja, jingū o taisha, il Santuario Shinto

La parola giapponese Jinja indica un Santuario Shintoista, in genere comprendendo una serie di edifici e strutture e l’area naturale circostante, questo è il luogo dove i fedeli shintoisti pregano, ringraziano e venerano i Kami, che possiamo intendere come Dei o Spiriti.

Si crede che inizialmente i santuari fossero strutture temporanee (shaden) allestite in luoghi naturali e sacri come caverne o montagne in occasione dei Matsuri (celebrazioni shinto). In seguito si diffuse la credenza che un Kami, venerato in un santuario, ne avrebbe fatto la sua residenza sacra e nacquero i primi santuari stabili, i jinja. Parecchi Jinja antichi hanno ancora tracce dei luoghi di preghiera originali, affacciati su ambienti sacri a cui è solitamente vietato l’accesso.

Si ritiene che lo Shintō abbia circa 100.000 santuari, dai più grandi ai più piccoli, il più antico dei quali ha oltre 2.000 anni. Il kami venerato in un jinja generalmente è una divinità shintoista, spesso vengono venerate anche divinità buddhiste o taoiste associate o identificate come kami. Alcuni santuari, inoltre sono consacrati a persone importanti, figure mitologiche o specifici eventi.

Dal periodo Nara fino al periodo Meiji una serie di templi buddisti sono stati costruiti all’interno o adiacenti a santuari shintoisti. Quando un jinja ospita un tempio buddista è chiamato jinguji. Nel 1868 fu vietata la costruzione di questo tipo di templi-santuari, volendo distinguere decisamente i riti dedicati ai kami da quelli ai budda, in modo da rendere più forte l’identificazione dei fedeli con lo Shinto, dichiarata religione di stato. Ciononostante molti santuari e templi, ancora oggi collaborano tra loro in occasione dei matsuri e di altri eventi.

Un santuario shinto identifica un’intera area, composta da molti edifici e diverse strutture, al cui interno risiede il kami venerato presso quel santuario, non visibile dai fedeli. Esistono diversi stili architettonici in tutto il Giappone e solitamente il kami si trova presso la honden, nella quale si trova fisicamente il goshintai (“il Sacro Corpo del kami”) nel quale si ritene che il kami si sia fuso o del quale prenda possesso. Può capitare che la divinità sia troppo “grande” per essere custodita in un edificio, ad esempio quando questa è una montagna o un oceano, per cui alcuni santuari non posseggono una honden.

L’haiden è la sala di culto, in genere è di fronte alla struttura principale, l’honden, e spesso viene costruito su una scala più grande rispetto al secondo. L’haiden e l’honden possono essere collegati attraverso l’heiden, o sala delle offerte.

L’honden è il luogo dedicato al kami, consacrato e chiuso al pubblico, mentre l’haiden è lo spazio per le cerimonie e per adorare i kami. L’honden può mancare e essere sostituito da un terreno sacro.

Tra le caratteristiche principali dei santuari in stile “puro” ci sono le colonne e le pareti in legno naturale (in contrasto con quelli dipinti di rosso e bianco), tetti di paglia, le corna (Chigi) che sporgono dalla sommità del tetto.

La maggior parte dei santuari hanno elementi dell’architettura cinese, successivi all’arrivo del buddhismo in Giappone nel 6° secolo, che includono le colorazioni in rosso, pareti e colonne bianchi, tetti di tegole, gronde rovesciate, sculture dettagliate e ornamenti del sottogronda.

Funi speciali e nappe pendenti (shimenawa) e strisce di carta bianca (gohei) risalgono ai tempi antichi quando venivano usate per delimitare i luoghi sacri. Le Shimenawa sono tradizionalmente collocate sopra l’ingresso dei templi principali per segnalare il luogo come sacro. Possono essere enormi: le corde possono pesare 200 kg e le nappe, che assomigliano a fasci di essiccazione del riso, misurano anche 1,5 metri di altezza. Sono messe in atto con una gru.

Gli edifici e le strutture principali del tempio sono:

Honden

è la sala principale del santuario, al cui interno viene conservato l’oggetto sacro simbolo del santuario stesso e intimamente legato al kami (quasi mai visibile ai fedeli, ma solo ai sacerdoti). L’honden è la struttura centrale e lo spazio più sacro del santuario. Gli stili cambiano molto e dipendono dal lineage divino del tempio, ma alla fin fine sono tutti riconducibili allo stile taisha-zukuri del Tempio Izumo Taisha Shrine oppure allo shinmei-zukuri come al Grande Tempio di Ise. si ritiene che il taisha-zukuri rispecchi l’architettura delle antiche residenze, mentre lo shinmei-zukuri sia modellato sugli antichi granai. In ogni caso il tetto dello honden mostra ornamenti lignei distintivi noti come chigi and katsuogi. I katsuogi sono i ciocchi dalle estremità assottigliate posti trasversalmente alla costa del tetto, mentre i chigi sono l’estensione delle travi che si incrociano al culmine e si estendono per alcuni centimetri. Il culmine dei chigi può essere tagliata orizzontalmente (uchi-sogi) e indica una divinità femminile o verticalmente (soto-sogi) e indica una divinità maschile

Haiden

è la sala delle offerte dove i fedeli pregano i kami e fanno le proprie offerte. Nei templi più piccoli, le due sale possono essere racchiuse in un unico edificio, mentre in quelli più grandi ed importanti, sono quasi sempre edifici diversi, anche se adiacenti.
Le preghiere offerte all’esterno dell’haiden sono chiamate ryakushiki sanpai (venerazione semplificata). Un rituale più completo è detto seishiki (formal) sanpai or jōden (in-hall) sanpai e si fa all’interno.

Saisen-bako

è una scatola di legno, solitamente intarsiato, posta nella Haiden del santuario ed usata per la raccolta delle offerte. Le monete dei fedeli vengono gettate al suo interno prima di pregare il kami e la stessa è facilmente identificabile perché sulla sua sommità sono presenti vari listelli di legno paralleli. In genere l’offerta è di 5 yen perchè go-en (5 yen) suona come la parola giapponese per fortuna (goen)

Tori

sono tra gli elementi più distintivi e caratteristici di un santuario shintoista; rappresentano il portale di ingresso del santuario e separano l’area sacra dall’area quotidiana in cui vivono le persone. Oltre che posti all’ingresso del santuario, spesso si trovano anche in prossimità dello stesso o al suo interno. Sono tradizionalmente costruiti in legno e verniciati di color rosso vermiglio e nero, ma si possono trovare anche in pietra o, più recentemente, in cemento e calcestruzzo. La loro costante presenza è dovuta al fatto che il passaggio sotto di esso è considerato una prima forma di purificazione. Le credenze popolari tendono ad identificarlo come un simbolo di fortuna e prosperità, per questo è uso che una persona che ha ottenuto successo negli affari doni un torii come segno di gratitudine agli dèi. Un tempo i torii avevano la funzione di ospitare i galli sacri dalla lunga coda e gli uccelli in generale, visti come messaggeri degli dèi.

Maiden o Kaguraden

La maiden è un padiglione aperto, senza mura ma con un tetto, al cui interno si tengono danze e vari riti, come le danze sacre kagura; a volte sono eseguite dalle Miko del santuario, a volte da attori, geishe o altre personalità. Solitamente questi edifici sono presenti nei santuari più grandi ed importanti.

Chōzuya o Temizuya

I chōzuya sono piccoli edifici situati all’interno del santuario, posti prima di arrivare alla sala principale, necessari per eseguire la pratica di purificazione prima di poter pregare i kami. Al loro interno è presente una vasca che raccoglie l’acqua da utilizzare per eseguire il rito di purificazion chiamato Temizu ( “te” ovvero “mano” e mizu “acqua”). Questa purificazione serve a rimuovere dalla propria persona il male e le impurità ed è obbligatoria per poter rivolgere le proprie preghiere ai Kami.

I passaggi da seguire per il Temizu sono: 1) Prendere il mestolo con la mano destra e raccogliere l’acqua dalla vasca (o anche dalle fontane se presenti). 2) Sciacquare la mano sinistra usando una piccola parte dell’acqua. 3) Spostare il mestolo nella mano sinistra e sciacquare la mano destra con un’altra parte di acqua. 4) Spostare nuovamente il mestolo nella mano destra e versare un po’ d’acqua nella mano sinistra per sciacquarsi la bocca (non bere assolutamente l’acqua direttamente dal mestolo e non sputate l’acqua dalla bocca nella vasca, ovviamente). 5) Con la parte restante di acqua bagnate nuovamente la mano sinistra 6) inclinare il mestolo in verticale, con la coppetta verso l’alto, in modo che l’ultima parte di acqua scorra lungo il manico, pulendolo. 7) Riporre il mestolo sulla chōzuya, posizionando la coppetta verso l’alto e rovesciata.

Koma-inu

I komainu sono statue in pietra che rappresentano cani da guardia, leoni o, nel caso dei santuari dedicati ad Inari, volpi. Sono disposti sempre in coppia all’ingresso dei santuari, per tenere lontani gli spiriti maligni, ed hanno il volto rivolto l’uno verso l’altro; una delle due statue ha sempre la bocca aperta ed è chiamata “A” (la prima lettera dell’alfabeto sanscrito), l’altra ha la sempre bocca chiusa ed è chiamata “Un” (l’ultima lettera dell’alfabeto sanscrito); in rare occasioni possono esistere anche delle eccezioni in cui entrambi i komainu hanno la bocca chiusa o aperta.

Shimenawa

è una corda fatta con fasci di paglia di riso, prodotta attorcigliando tra loro, in senso orario o antiorario, fasci più piccoli; alla corda finale vengono, di solito, aggiunti degli shide, fogli di carta dalla forma intrecciata usati durante i rituali shintoisti. Esistono shimenawa di ogni sorta di dimensione, da quelli sottilissimi, da utilizzare in casa, a quelli giganti, usati nei santuari più famosi. vengono usati per adornare alberi sacri, torii, le haiden e le honden.

Sandō

il percorso del fedele è la camminata che porta dal Tori al tempio e agli edifici del santuario. Porta naturalmente attraverso il percorso di pellegrinaggio al tempio facendo fare un tour completo del territorio. Percorrendolo è mene tenere il lato destro o sinistro, poichè in alcuni santuari il percorso centrale è riservato ai kami del tempio

Rōmon

è uno dei due tipi di portone a due piani utilizzato in Giappone, sebbene sia stato originariamente sviluppato dall’architettura buddista, è ora usato anche nei santuari shintoisti. Il suo piano superiore è inaccessibile e non offre spazio utilizzabile. Questo portone a tetto singolo è stato sviluppato dal nijūmon a doppio tetto, sostituendo il tetto di copertura sopra il primo piano con un balcone molto poco profondo con una balaustra che costeggia l’intero piano superiore.

Omikuji

sono foglietti di carta su cui è scritta una frase della fortuna. Sono riposti all’interno di una scatoletta e vengono dispensati uno per volta scuotendolo la scatola stessa. I messaggi sono classificati in Daikichi (grande buona fortuna), Kichi (buona fortuna), Shokichi (piccola buona fortuna), Shokyo (piccola sfortuna), Kyo (sfortuna), Daikyo (grande sfortuna). Una volta letti, i foglietti di carta devono essere annodati al ramo di un albero, o su appositi raccoglitori, sempre all’interno del santuario per fare in modo che la fortuna si avveri o la sfortuna venga scacciata.

Ema

tavolette di legno su cui i fedeli scrivono le proprie preghiere ed i propri desideri rivolte ai kami; queste, dopo essere state acquistate direttamente nel santuario, vengono riposte in appositi raccoglitori pubblici, solitamente adiacenti alla sala delle offerte, in attesa che gli Dei li facciano avverare. Le tavolette ricevute possono essere completamente bianche o riportare già scritte e disegni di vario tipo; spesso sono gli stessi fedeli a disegnarci sopra, oltre a scrivere le proprie preghiere.

Omamori

piccoli amuleti o talismani, reperibili all’interno dei santuari shinto e spesso anche nei templi buddhisti, formati da un rivestimento di stoffa colorato e decorato, al cui interno è inserito un foglio di carta, o un pezzetto di legno, su cui è riportata una preghiera. Vi sono omamori dedicati all’amore, alla fortuna, alla salute, alla finanza, allo studio e via dicendo ed hanno una durata, se così si può dire, di un anno. Inoltre non vanno mai aperti, altrimenti perderebbero istantaneamente la loro protezione.

In un tempio Shinto potreste incontrare il Kannushi e la Miko

Kannushi

Il Kannushi è il sacerdote incaricato della custodia di un Jinja e dell’organizzazione delle cerimonie. Tradizionalmente, in particolare in passato, molti jinja non hanno un Kannushi e sono custoditi da una commissione di volontari locali chiamati Ujiko. In un jinguji, un monaco buddhista può custodire il suo santuario e il santuario shintoista annesso.

Miko

sono le giovani donne che lavorano presso i templi shintoisti. La tradizione delle miko risale alle antiche ere del Giappone, quando si trattava delle donne che entravano in trance, dando voce alle parole del Dio. Più avanti, “miko” diventò il termine per indicare le giovani donne al servizio di altari e templi shintoisti. Erano spesso le figlie dei sacerdoti incaricati di prendersi cura di uno dei santuari. I ruoli della miko includono l’esibizione in danze cerimoniali (miko-mai), l’assistere i sacerdoti nelle funzioni, offrire gli Omikujie prendersi cura della vendita degli oggetti associati al santuario stesso.


1) Seisō 正装 (Ikan 衣冠): abbigliamento formale e cerimoniale, usato perle funzioni imperiali o di stato
2) Reisō 礼装 (Saifuku 斎服): abbigliamento bianco per i rituali di purificazione, le abluzioni e gli eventi, il bianco qui rappresenta la purezza o l’assenza di impurità e quindi è il colore maggiormente utilizzato dal personale dei templi. Sono consentiti anche altri colori durante i cerimoniali religiosi
3) Tsunesō 常装 (Kariginu 狩衣): abito generico per le cerimonie Shintō quotidiane
4) Seisō 正装 (Seifuku 正服): abito formale indossato dalle giovani donne al servizio del tempio.
5) Miko Attire: l’abito generico e più comune per le giovani donne al servizio del tempio.

qui trovi la mappa del Giappone con i Santuari dei quali pubblicheremo articoli nelle prossime settimane

Fonti:
https://it.wikipedia.org/wiki/Jinja

Caratteristiche dei Santuari Shintoisti


http://www.cultorweb.com/Arch_JPN/AJC2.html
https://www.nippon.com/en/views/b05201/your-virtual-guide-to-the-shinto-shrine.html
http://sakuramagazine.com/santuari-giapponesi-jinja-%E7%A5%9E%E7%A4%BE/
https://www.onmarkproductions.com/html/shinto-priesthood.html

Bugei jūhappan – le 18 Arti del Bushi

L’insieme delle tecniche di combattimento ed arti correlate che era raccomandato di studiare e conoscere a ciascun Guerriero Samurai dell’era Tokugawa (o Periodo Edo 1603-1868) era chiamato Bugei jūhappan – 武芸十八般 “Diciotto Tipi di Arti Marziali”.

La formalizzazione dell’idea viene attribuita allo spadaccino Hirayama Gyozo, fondatore della Chukō Shingan Ryū, si ritiene si sia basato sulla più antica tradizione Cinese delle Diciotto Armi del WuShu.
Inutile dire che è ragionevole ritenere che questa idea fosse ampiamente applicata prima della sua formalizzazione.

Nel tempo ciascun Ryū sviluppò ed organizzo la propria didattica su tutte o alcune delle Diciotto Arti, dedicando maggiori attenzione e tecniche ad una o più delle arti prese in considerazione, l’elenco maggiormente diffuso dovrebbe includere:

Kyūjutsu, l’Arte dell’Arco – L’uso tradizionale dell’arco (yumi) è stato il privilegio della classe dei samurai, per una significativa parte della storia giapponese, fino a circa metà del 1500, è stata ritenuta l’ate essenziale e fondamentale del guerriero, al punto da essere il simbolo del guerriero professionista, la vua dek guerriero inizialmente era definita kyūba no michi – la via di arco e cavallo.

Sōjutsu, Arte della Lancia (槍 yari) Anche se la lancia ha avuto un ruolo nella creazoine mitologica del Giappone, pare che i primi prototipi di lancia siano giunti da altri paesi asiatici e che questi primi modelli non fossero di particolare gradimento per i giapponesi che li ridisegnarono in un gran numero di variazioni sia per l’asta sia per la testa della lancia. La Yari era l’arma popolare e degli Ashigaru durante il periodo feudale essendo meno costosa da produrre e meno complessa da maneggiare rispetto ad altre armi.

Kenjutsu, l’Arte della Spada, la scherma giapponese, 剣術 è il termine generale per tutte le koryū che studiano il maneggio della spada, in particolare quelle precedenti alla restaurazione Meiji. Anche gli stili moderni di kendo e iaido, formalizzati nel XX secolo, includono nel loro curriculum forme moderne di kenjutsu

Iaijutsu, L’Arte di estrarre la Spada (uccidere estraendo) si tratta di una serie di tecniche di estrazione ed uccisione veloce presente come disciplina in differenti forme in molte Koryū. Contempla tecniche di attacco, contrattacco, omicidio o semplice ferimento.

Tantōjutsu, l’Arte del Coltello, contempla una varietà di sistemi di combattimento con il coltello chiamato tantō, una daghetta o un coltello corto.

Juttejutsu,十手術 è l’arte marziale che studia l’uso dell’arma chiamata jitte o jutte, codificata prevalentemente per gli agenti si polizia del periodo Edo per consentire i disarmi non letali e la cattura di criminali che indossavano o maneggiavano una spada

Shurikenjutsu, 手裏剣術 è il termine generale per l’Arte di lanciare gli Shuriken, piccole armi da lancio che possono stare in una mano come puntali di metallo (bō shuriken), piastre di metallo circolari dalle differenti sagome (hira shuriken) e coltelli (tantō).

Naginatajutsu, l’arte dell’uso della Naginata 長刀, una sorta di alabarda a falcione, inizialmente usata in supporto all’arcere a cavallo. Successivamente utilizzata anche come arma lunga da guerrieri e monaci, dopo il periodo delle guerre, come arma di difesa delle case, quindi anche dalle onna-bugeishi, le donne samurai

Hōjutsu, l’Arte di Sparare con Armi d Fuoco 砲術, dedicata all’uso delle armi da fuoco che si usavano in campo di battaglia a partire dal XVI secolo. E’ ancora praticata a volte usando ancora le antiche armi da fuoco.

Bōjutsu, l’Arte del Bastone 棒術, che prevede il maneggio di un’asta di legno, una delle armi più antiche della storia. L’arma può avere differenti lunghezze e diverse tecniche di uso a seconda della scuola.

Kusarigamajutsu, l’Arte dell’so della Kusarigama una falce alla quale è sladata una catena. La kusarigama è fatta di tre parti kama (una lama curva innestata in un manico di legno), kusari (una catena attaccata alla kama) e un peso alla fine della catena

Hojōjutsu, l’Arte di Legare un opponente 捕縄術 detto anche Torinawajutsu (捕縄術), o Nawajutsu (縄術), è l’arte tradizionale di legare una persona con corde (nawa 縄). Comprende differenti materiali, tecniche e metodi di molte scuole differenti. l’Hojōjutsu è un’arte squisitamente e unicamente Giapponese, raramente è insegnata fuori dal Giappone ed è parte di scuole di Budo o Jujutsu.

Bajutsu, l’Arte di Cavalcare. le cui origini sono strettamente connesse all’arceria a cavallo (Yabusame), è considerata Arte a sè stante e conta scuole tradizionali dedicate. L’Arte origina nel VII secolo dall’Imperatore Tenji e fu insegnata su larga scala nel XII rimanaendo comunque elitaria e riservata ad un numero ristretto di samurai di alto livello.

Suieijutsu, l’Arte di Nuotare in armatura, anche se letteralmente sarebbe “abilità acquatiche”.

Ninjutsu, inteso come Spionaggio / Contro-Spionaggio, le strategie e le tecniche per il combattimento non convenzionale

Ci sono altre arti che spesso vengono incluse nella lista: Chikujōjutsu (fortificare un castello contro un assedio), Yawara (lotta), Fukumibarijutsu (sputare piccoli aghi), Yabusame (arceria a cavallo), Mōjirijutsu (combattere con armi lunghe non mortali), Yadomejutsu (deflettere le frecce), Saiminjuts (ipnotismo), Jūjutsu (lotta e combattimento a mani nude)