Spada Giapponese – Glossario delle parti

In un blog come questo non può mancare una serie di articoli sulla Spada Giapponese, sulle sue parti, misure, tipi, preparazione, manutenzione … non che sul web ci sia mancanza di questo genere di informazioni e probabilmente ci sono articoli più completi e ricchi di questa serie.

In ogni caso ritengo un doveroso piacere condividere appunti e informazioni su uno dei principali oggetti dei nostri studi e lo faccio partendo dalle componenti della spada

katana

Usando come immagine di base quella di una lama vestita a katana suddividiamo la terminologia in tre parti:

Lama

Kissaki: la zona della punta, esistono differenti tipi di kissaki, a seconda di lunghezza e forma e ne tratteremo altrove.
Boshi: la parte temprata della punta della spada
Ko-shinogi: la parte di “forte” della punta
Yokote: la linea di separazione tra la punta e il fianco della spada
Nakago: la parte interna all’elsa, spesso consente di ricavare informazioni su origine e passato della spada, anche riportando Mei (firme, simboli, …)
Mekugi Hana: il foro o i fori nel nakago (e nell’elsa) attraverso i quali passano i Mekugi, le spinette che tengono ferma l’impugnatura alla lama.
Nakagojiri: la fine del Nakago, può avere differenti forme arrotondata, rettangolare, angolata, … anche a questo potremo riservare un breve articolo.
Ji: la parte di lato della spada presso il filo su cui sono evidenti i “disegni” della tempra
Shinogi: il fianco della lama.
Shinogi-Ji: la parte di lato della spada più vicina al dorso, abitualmente lucidata fino ad essere a specchio.
Ha: il “filo”, la parte affilata della spada
Hada: la tramatura dell’acciaio, come per un tessuto presenta consistenza e grani di varia foggia e dimensione.
Hamon: il disegno formato dalla tempratura sulla parte affilata e tagliente, assume svariate forme a seconda di come è stata preparata e temprata la spada: nebbia, nuvole, montagne, foglie, …
Hamachi: la separazione tra il filo e il nakago, forma una sorta di scalino.
Mune: il dorso “forte” della spada.
Munemachi: la separazione tra il dorso e il nakago, forma una sorta di scalino.
Su Hamachi e Munemachi si appoggiano le Seppa (spessori) e l’Habaki, un collarino di metallo, a volte ornato, che fa da fermo a lama, impugnatura e fodero.

kissakinakago_tipi_conosseurs_japsword

Fodero – Saya
Saya: il fodero, tradizionalmente in legno laccato, moltissime le variazioni ornamentali.
Kojiri: la fine della saya, può essere ornata o meno, tradizionalmente è in corno di bufalo.
Koiguchi: l’imboccatura della saya, anche questo tradizionalmente in corno di bufalo, qui, al rinfodero, si ferma la lama grazie all’habaki.
Kurikata: anche kurigata, un pomello a forma di anello nel quale viene fatto passare il sageo, che servirà a fermare la saya alla cintura.
Sageo: una corda, generalmente in cotone o seta, usata per fermare la saya alla Obi (cintura), esistono differenti modi di legare/passare il sageo tra saya e obi, alcuni sono distintivi della scuola di scherma praticata.
Shitodome: parte ornamentale del kurukata, spesso in materiale dorato o argentato.
Kaeshizuno: un pomello a forma di gancio posto a circa metà saya e utile a fermarla alla obi durante l’estrazione.

sub_b_02

Elsa e Impugnatura (Tsuba + Tsuka)

Tsuba: la guardia dell’elsa messa a protezione della mano, è anche uno dei principali ornamenti della montatura, se ne distunguono svariati tipi, materiali, metodi e scuole di preparazione.
tsuka (1)
Tsuka: l’impugnatura della spada, tradizionalmente in legno ricoperto da pelle di razza e strisce di tessuto o di cuoio. La preparazione della Tsuka è una arte detta Tsuka-maki.
Samekawa o samegawa: la prima ricopertura dell’impugnatura, tradizionalmente in pelle di razza (o di squalo).
Tsukaito: la legatura della tsuka, sopra al same. Tradizionalmente in seta o cotone, a volte si trova in cuoio.
Fuchi: il collare in metallo ornato che sta tra la tsuba e la tsuka, generalmente l’ornamento è coerente con quello della Kashira.
Kashira: l’ornamento o pomello al termine della Tsuka, ne esistono differenti tipi.
Menuki: elementi ornamentali della tsuka, posizionati in modo da migliorare il grip, la tenuta della spada, inizialmente concepiti per nascondere il mekugi.
Mekugi: spinotto (o spinotti) che attraversano Tsuka e Nakago nei mekugi-ana e che tengono unita la lama all’impugnatura. Generalmente in bambù.

koshirae2

Vedi anche su

R.Stein’s Nihonto Forum INKT Swordforum Japanese blades
Conoisseur’s Book of Japanese Sword su Google Wikipedia Italiano Wikipedia Inglese
Wikipedia Inglese Glossario USagya Stili con esempi Japanese sword terms by Fred Lohman
Japanese sword terms by NCJSC
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...